Home / News / 2 chiacchiere con Claudio Lazzaretti

2 chiacchiere con Claudio Lazzaretti

 


  • Claudio, da diversi anni alleni le età più difficili calcisticamente parlando: bellissimo e quanto impegnativo?
    “Innanzitutto voglio salutare tutti i sostenitori della Polisportiva. Sì, seguo da ben 9 anni questa fascia d’età e devo dire che ho trovato gruppi diversi l’uno dall’altro per caratteristiche di personalità e struttura fisica. È molto impegnativo perché i ragazzi passano dall’attività di base a quella agonistica dove si comincia a fare sul serio a livello di tattica ed atletica, ma proprio per questo è molto stimolante da parte mia perché cominci a costruire una squadra vera anche dal punto di vista dell’unione del gruppo, dell’obiettivo comune e nel fargli capire che ognuno di loro è responsabile nei confronti di tutti gli altri”

  • Da giocatore ti ricordiamo come un uomo d’ordine in mezzo al campo. Come mister invece?
    “Da mister cerco di trasferire ai ragazzi la mentalità che avevo da calciatore e cioè di non buttare mai palla e di cercare di vincere le partite col gioco, con la giusta intensità, la cosiddetta grinta che non deve mai mancare senza dimenticare l’educazione nei confronti di tutti”

  • Cosa daresti per vedere uno dei tuoi ragazzi vincere un campionato da protagonista a Coriano in prima squadra?
    “Per ogni allenatore è una grande soddisfazione vedere i propri ragazzi che passano a più alti livelli e devo dire che diversi miei ragazzi stanno facendo bene in campionati professionisti mentre altri hanno fatto diverse apparizioni nella prima squadra del Coriano. Questo è l’obiettivo dell’allenatore del settore giovanile, ovvero creare giocatori”

  • Sei più per la tecnica, la tattica o la preparazione fisico/atletica?
    “Innanzitutto tecnica perché dobbiamo dare ai ragazzi i mezzi per poter costruire un’azione di gioco. Poi tattica individuale e poi collettiva senza tralasciare la parte fisico atletica, materia che col crescere di categoria prende sempre più importanza”

  • C’è un annata che hai allenato in tutti qst anni che porti nel cuore?
    “Ho allenato 4 diversi gruppi e di tutti ho dei ricordi bellissimi. Quando incontri i tuoi vecchi giocatori che ti salutano con entusiasmo e ti ricordano le esperienze vissute insieme vuol dire che qualcosa di buono hai fatto anche se bisogna dire che non sempre riesci ad accontentare tutti”

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*