Home / News / “A tu per tu con…” parte 2.
Parola a Nicola Fabbri

“A tu per tu con…” parte 2.
Parola a Nicola Fabbri

1. Nico, ben ritrovato! Il tuo incarico, in Polisportiva, per la stagione 2018-2019?
“Quest’anno avrò l’onore di seguire gli Esordienti 2006”

2. Sta per iniziare una nuova stagione: convinci chi ci legge con uno slogan o un messaggio, a venire a vedere gli allenamenti e a seguire le partite della tua squadra!
“Scegliete la Polisportiva Junior Coriano, una realtà sociale genuina, ben organizzata e accogliente”

3. Illustraci il tuo allenamento tipo?
“Esercizi tecnici di attivazione con la palla, piccolo lavoro atletico con la palla, esercitazioni situazionali (1 vs 1, 2 vs 1, 2 vs 2), o partite a tema e mega partitella finale”

4. Consiglieresti a tuo figlio di iniziare a giocare a calcio?
“Per me è fondamentale per un bambino praticare uno sport. Consiglio il calcio perché è un gioco di squadra in cui si costruiscono tanti bei rapporti, ma nello stesso tempo ti mette di fronte a ostacoli o difficoltà da superare. Sono tutti stimoli motivanti per un bambino”

5. Cosa fai nella vita oltre ad allenare?
“Sto frequentando l’Università (scienze motorie), e gioco a calcio nel Mulazzano, in Seconda Categoria”

6. Il tuo hobby oltre al calcio?
“Mi piace praticare lo sport in generale, da quelli di squadra a quelli individuali (sport di racchetta, atletica)”

7. Juve Campione d’Italia: è già scritto oppure…?
“Dico Napoli anche dopo la sconfitta pesante di ieri a Torino”

8. E chi vincerà la Champions?
“Secondo me il City di Guardiola”

9. Un giocatore che ti piacerebbe allenare? E quello che vorresti sempre avere in squadra?
“Non ho preferenze su chi allenare, ma nella mia squadra vorrei sempre avere il prof. Matteo Monticelli, esempio di umiltà, costanza e applicazione”

10. Sono già passati quasi 2 anni dalla scomparsa di Cece: che ricordo hai di lui?
“Una persona fantastica con un grande cuore. Ricordo come se fosse ieri quando mi ha chiamato al telefono per propormi di iniziare questa avventura come allenatore. Gli sarò eternamente grato”