Home / News / “A tu per tu con…” parte 2.
Parola ad Andrea Tentoni

“A tu per tu con…” parte 2.
Parola ad Andrea Tentoni

1. Andrea Tentoni, ben ritrovato! Il tuo incarico, in Polisportiva, per la stagione 2018-2019?
“Quest’anno alleno i Giovanissimi 2005”

2. Sta per iniziare una nuova stagione: convinci chi ci legge con uno slogan o un messaggio, a venire a vedere gli allenamenti e a seguire le partite della tua squadra!
“Veniteci a sostenere e vi divertirete! E ovviamente l’invito, per chi fosse interessato a provare questo magnifico sport, è sempre valido ed aperto a tutti”

3. Illustraci il tuo allenamento tipo?
“Il mio allenamento tipo inizia sempre con un riscaldamento tecnico; poi passo agli esercizi di tecnica applicata, partitelle a tema ed infine partita finale (che è sempre quella più attesa ed apprezzata da tutti 😆)

4. Consiglieresti a tuo figlio di iniziare a giocare a calcio?
“Alla grande! Lo consiglierei non sono a mio figlio ma a tutti perché è uno sport sano che ti aiuta a socializzare e ti forma a livello caratteriale”

5. Cosa fai nella vita oltre ad allenare?
“Nella vita la mia passione in assoluto è quella di allenare; inoltre seguo in prima persona alcuni investimenti che ho fatto in passato”

6. Il tuo hobby oltre al calcio?
“Il golf. Che in realtà causa il poco tempo libero a disposizione ho quasi smesso di praticare ahimè. Mi piace, mi rilassa, mi appassiona e riesco a giocarlo senza problemi (visto che in passato ho avuto dei problemi ad un’anca)”

7. Juve Campione d’Italia: è già scritto oppure…?
“Sì, secondo me è scritto. In Italia purtroppo si giocherà per il secondo posto dato che la Juventus farà un campionato a parte”

8. E chi vincerà la Champions?
“Spero trionfi un’italiana. Chiunque essa sia. Sarebbe davvero un bellissimo segnale per tutto il nostro movimento calcistico”

9. Un giocatore che ti piacerebbe allenare? E quello che vorresti sempre avere in squadra?
“CR7. Sarei curioso di ammirare da vicino la sua professionalità e il modo di approcciarsi al gruppo e al Mister. Direi che Ronaldo è anche il giocatore che vorrei sempre avere con me in squadra; è uno dei pochi che nei momenti determinanti non sbagliano mai”

10. Sono già passati quasi 2 anni dalla scomparsa di Cece: che ricordo hai di lui?
“Ho avuto la sfortuna di conoscerlo troppo poco. Tra noi si era già creato comunque un bellissimo feeling, mi manca e ci manca a tutti, era una persona avanti anni luce, sempre propositivo e lungimirante. Ho conosciuto tante persone nella mia vita ma poche mi sono entrate nel cuore come Cece. Lo porterò per sempre dentro di me e ringrazierò all’infinito chi me lo ha fatto conoscere”